Rinominare le cartelle predefinite di Exchange 2013

I nomi delle caselle predefinite di Exchange (Posta in arrivo, Posta inviata, etc.) vengono create nella lingua utilizzata per il primo accesso alla casella di posta.

Recentemente mi è capitato di accedere per la prima volta ad OWA scegliendo per errore la lingua Francese e mi sono così ritrovato tutte le cartelle di Outlook in Francese:

Cartelle Exchange

Il modo più semplice per risolvere il problema è accedere ad OWA -> Opzioni -> impostazioni -> area geografica e qui oltre a selezionare la lingua mettere il flag nell’opzione Rinomina le cartelle predefinite con un nome che corrisponde alla lingua specificata:

OWA

dopo aver cliccato su Salva potrebbe uscire un errore, ma proseguite tranquillamente perchè l’impostazione è comunque stata presa:

OWA errore

Se ora aprite Outlook, o OWA stesso, dovreste vedere tutte le cartelle con il nome scritto nella lingua che avete scelto:

Cartelle Exchange 2

Un altro modo per risolvere il problema è quello di usare PowerShell direttamente nel server Exchange 2013 tramite il comando Set-MailboxRegionalConfiguration.

Ad esempio per convertire tutti in Italiano possiamo usare il comando:

Set-MailboxRegionalConfiguration -identity <identity> -LocalizeDefaultFolderName:$true -Language it-IT

anche in questo caso si potrebbe ottenere un errore ma l’impostazione è comunque stata salvata.

 

Aggiornamento Windows 10: requisiti, modalità prenotazione e funzioni rimosse

Oggi è stato un altro giorno importante per gli utenti che stanno seguendo con interesse l’evoluzione del sistema operativo Windows. L’ufficializzazione della data di rilascio ha delineato in maniera ancor più chiara quanto sarà necessario attendere per effettuare l’upgrade gratuito ed ulteriori informazioni utili per prepararsi al meglio al passaggio.

Riassumiamo, quindi, di seguito i gruppi di informazioni che è opportuno conoscere per prepararsi al meglio all’arrivo di Windows 10 fissato per il 29 luglio prossimo, ricordando che nei 12 mesi successivi sarà possibile effettuare l’aggiornamento gratuito da Windows 7 e Windows 8/8.1.

Continua la lettura dell’articolo completo su HDBlog.

Oppure consulta le FAQ ufficiali di Microsoft.