Microsoft Exchange Server 2016: Guida all’installazione – Parte 1/2

Exchange Server 2016

Dovendo installare Exchange Server 2016 per un cliente ne approfitto per scrivere questa guida, indicando i passi principali da seguire.

Questa nuova versione di Exchange può essere installata esclusivamente sui sistemi Windows Server 2012 e Windows Server 2012 R2 esclusa la modalità Server Core.

Per la guida sto utilizzando una macchina Windows Server 2012 R2.

Nella macchina dove si vuole installare il ruole Mailbox Server installare innanzi tutto il .NET Framework 4.5.2, e successivamente installare i Remote Tools Administration Pack usando il commando PowerShell:

Install-WindowsFeature RSAT-ADDS

come evidenziato in figura:

Remote Tools Administration Pack

Sempre tramite PowerShell possiamo installare i componenti di Windows necessari:

Install-WindowsFeature AS-HTTP-Activation, Desktop-Experience, NET-Framework-45-Features, RPC-over-HTTP-proxy, RSAT-Clustering, RSAT-Clustering-CmdInterface, RSAT-Clustering-Mgmt, RSAT-Clustering-PowerShell, Web-Mgmt-Console, WAS-Process-Model, Web-Asp-Net45, Web-Basic-Auth, Web-Client-Auth, Web-Digest-Auth, Web-Dir-Browsing, Web-Dyn-Compression, Web-Http-Errors, Web-Http-Logging, Web-Http-Redirect, Web-Http-Tracing, Web-ISAPI-Ext, Web-ISAPI-Filter, Web-Lgcy-Mgmt-Console, Web-Metabase, Web-Mgmt-Console, Web-Mgmt-Service, Web-Net-Ext45, Web-Request-Monitor, Web-Server, Web-Stat-Compression, Web-Static-Content, Web-Windows-Auth, Web-WMI, Windows-Identity-Foundation

terminata l’installazione dobbiamo riavviare il server:

Componenti aggiuntiviSuccessivamente dobbiamo scaricare e installare il Microsoft Unified Communications Managed API 4.0, Core Runtime 64-bit (240 MB).

Microsoft Unified Communications Manager API 4.0

In questa guida salteremo questo aspetto.

Possiamo quindi lanciare l’eseguibile contenuto nella ISO che provvederà a scompattare l’installazione in una directory e successivamente possiamo eseguire il file setup.exe.

Check for Updates

Nella pagina Check for Updates? scegliere se si vuole che l’installatore cerchi eventuali aggiornamenti tramite Internet oppure no, lasciamo fare la ricerca anche se in questo caso non verrà trovato nessun aggiornamento.

Downloading Update

Il setup proseguirà con la copia dei files:

Copying files

A questo punto siamo pronti per iniziare l’installazione vera e propria:

Inizializing setup

Introduction

A questo punto dobbiamo accettare la licenza d’uso:

License Agreement

e scegliere come gestire i settaggi relativi ai feedback:

Recommended Settings

Dopodiche dobbiamo scegliere quali ruoli installare nel server, nella maggior parte dei casi scegliamo il Mailbox role, e spuntiamo l’opzione Automatically install Windows Server roles and features that are required to install Exchange Server:

Server Role Selection

Fatto questo dobbiamo scegliere dove installare il programma:

Installation Space and Location

Nella maschera successiva ci viene proposto il nome predefinito per l’Organizzazione Exchange, salvo casi particolari è buona norma non modificarlo (anche perchè non potrà essere modificato successivamente):

Exchange Organization

e quindi scegliere se disabilitare o meno la scansione dei malware:

Malware Protection Settings

Il setup eseguirà l’ultimo controllo dei prerequisiti:

Readiness Checks

e se non ci sono errori l’installazione potrà finalmente iniziare:

Setup progress

Dopo circa 30 minuti il processo di installazione dovrebbe terminare e possiamo procedure con il riavvio del server:

Setup Completed

Dopo il riavvio possiamo verificare l’esito dell’installazione tramite la Exchange Management Shell con il commando:

Get-ExchangeServer | fl name,serverrole,admindisplayversion

Get-ExchnageServer

da cui si evidenzia la versione installata 15.01.0225.042.

A questo punto l’installazione di Exchange Server 2016 è terminate, nella prossima parte vedremo le configurazioni iniziale da eseguire per rendere il Sistema funzionante.

 

Parte 2

Veeam error: Failed to finalize guest processing. Details: Failed to process ‘TruncateSQLLog’ command. Failed to truncate transaction logs for SQL instances: MICROSOFT##WID. Possible reasons: lack of permissions, or transaction log corruption.

Nel mese di Ottobre 2015 Veeam ha rilasciato l’Update 3 per il suo ottimo software di backup Veeam backup & Replication, che porta la versione del programma alla 8.0.0.2084, purtroppo a seguito dell’aggiornamento vi ritroverete con una serie di Warning relativi ai transaction log:

Failed to finalize guest processing. Details: Failed to process ‘TruncateSQLLog’ command. Failed to truncate transaction logs for SQL instances: MICROSOFT##WID. Possible reasons: lack of permissions, or transaction log corruption.

Apparentemente il problema è causato da permessi insufficiente, ma visto che prima dell’aggiornamento funzionava senza problemi probabilmente la causa è un’altra.

Ho pertanto aperto un ticket con il supporto tecnico Veeam che è già a conoscenza del problema e mi hanno inviato una hotfix per risolverlo.

La procedura per l’installazione è molto semplice:

  1. Assicuratevi che nessun lavoro sia in esecuzione
  2. Chiudete la console Veeam
  3. Stoppate il servizio Veeam Backup Service
  4. Aprite la cartella C:\Program Files\Veeam\Backup and Replication\Backup\VSS\VeeamGuestHelpers o comunque quella dove avete installato il software
  5. Rinominate i file VeeamVssSupport*.dll in modo da avere un backup
  6. Sostituite i file presenti nel file zip
  7. Avviate il servizio Veeam Backup Service

A questo punto il Warning dovrebbe scomparire e il backup tornare allo stato di Success.

In caso negativo vi invito ad aprire un ticket con il supporto tecnico di Veeam.

L’hotfix è disponibile a questo link.

 

Stampante offline

A volte capita che installando una stampante di rete su di un server questa venga inspiegabilmente vista come Offline, nonostante sia raggiungibile tramite il PING e tramite interfaccia Web, di conseguenza non è possibile stampare nulla.

Offline

Il problema è dovuto al fatto che Windows determina lo stato Online/Offline della stampante tramite il protocollo SNMP, se per qualche motivo il protocollo non è configurato correttamente o c’è qualche problema nel protocollo stesso, la stampante viene messa nello stato Offline.

Per risolvere la situazione possiamo disabilitare questa funzione e far si che Windows non si preoccupi di verificare lo stato della stampante che sarà quindi sempre Online.

La procedura è molto semplice basta aprire le proprietà della porta Standard TCP/IP Port configurata per la stampante e disabilitare l’opzione SNMP Status Enabled.

Port Settings

A questo punto la stampante dovrebbe tornare Online immediatamente:

Online

 

 

Announcing Windows 10 Insider Preview Build 10586

Hi everyone,

Today we are releasing Windows 10 Insider Preview Build 10586 to Windows Insiders in the Fast ring. This build is really focused on bug fixes and general improvements. We’ve been loving this build in our internal rings as it is very fast and smooth, and makes a great daily driver.

Here are some things we have fixed:

  • The issue where any audio playing (like music from Groove, or videos from the Movies & TV app) gets reduced by 75% for a period of time after a notification pops up from Action Center is fixed.
  • Pressing the power button on your Surface Pro 3 should put your Surface Pro 3 to sleep instead of shutting it down.
  • We fixed an issue reported by Windows Insiders where a disksnapshot.exe command prompt window would flash randomly.
  • Windows should now remember your previous login type. For example, if you log in with a PIN – it will prompt you for a PIN next time instead of another type.
  • We fixed an issue where Tab previews in Microsoft Edge were appearing as black if the page was not scrolled to the top, and web note clippings were also appearing as black.
  • Small form-factor devices, like the Dell Venue 8 Pro, that boot with rotation or virtual mode screen size set larger than the physical screen size should no longer experience a bluescreen on upgrade.
  • Apps and games should download from the Store more reliably.

Known issues:

  • After upgrading from one Windows 10 Insider Preview build to another Insider Preview build, Skype messages and contacts will disappear from the Messaging + Skype app. You can get Skype messages and contacts back by navigating to “C:\Users\<USERNAME>\AppData\Local\Packages\Microsoft.Messaging_
    8wekyb3d8bbwe\LocalCache” in File Explorer and deleting or renaming the “PrivateTransportId” file. After deleting or renaming that file, go to the Skype video app and sign out of Skype and sign back in.
  • The Insider Hub might be gone after upgrading to this build. You can get Insider Hub back by going to Settings > System > Apps & features and clicking “Manage optional features”, choosing “Add a feature” and selecting Insider Hub.

Please use the Windows Feedback app to report any problems that you might encounter with this build, and remember to follow me on Twitter @gabeaul for preview build and Windows Insider Program announcements.

Thanks,
g

 

Tratto da: http://blogs.windows.com/windowsexperience/2015/11/05/announcing-windows-10-insider-preview-build-10586/