Bloccare l’installazione del Service Pack 1 per Windows 7 evWindows 2008 R2

In tutte quelle realtà dove non viene usato il Windows Server Update Services (WSUS) è possibile bloccare l’installazione del Service Pack 1 lasciando comunque attiva la funzionalità di aggiornamenti automatici tramite il tool: Windows Service Pack Blocker Tool Kit.

Il tool blocca l’installazione per 12 mesi del Service Pack dopodichè non può più essere rimandata e contiene tre componenti. Tutte vanno a settare o resettare uno specifico valore nel registry che è usato per riconoscere e bloccare il download del Service Pack da Windows Update. Le tre componenti sono:

  • Un eseguibile firmato da Microsoft stessa
    L’eseguibile crea una voce nel registro del computer dove viene eseguito e permette di bloccare o sbloccare (a seconda dei parametri) l’installazione del Service Pack. La chiave di registry usata è HKLM\Software\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate.
    Quando è specificato il parametr /B viene creata la chiave DoNotAllowSP e viene settata a 1. Ne segue il blocco dell’installazione del Service Pack.
    Il parametro /U invece rimuove la chiave e viene quindi tolto il blocco all’installazione del Service pack.
  • Uno script
    Lo script esegue le stesse operazioni dell’eseguibile ma permette di specificare il nome di una macchina remota.
    L’uso dello script e dell’eseguibile è supportato solo via riga di comando e non all’interno di programmi si gestione del sistema.
  • Un template ADM
    Il template amministrativo permette di configurare il blocco del Service Pack tramite Group Policy.

 

L’utilizzo di questo toolkit non blocca l’installazione del service pack manualmente tramite CD/DVD, etc., previene solo l’installazione automatica via Windows Update.

Windows 7 e Windows Server 2008 R2 Service Pack 1

Da ieri (oggi) per tutti gli abbonati a MSDN e Technet è disponibile il download del Service Pack 1 per Windows 7 e Windows Server 2008 R2 nonchè le ISO di entrambi i sistemi operativi con il Service Pack 1 già integrato.

image

Una volta terminata l’installazione e riavviato il computer avrete la versione aggiornata all’SP1.

image

Per un approfondimento sulle novità introdotte dal Service Pack potete consultare questa pagina: http://technet.microsoft.com/en-us/library/ff817622(v=ws.10).aspx

Internet Exporer 9 RC

imageDa qualche ora è stata rilasciata la versione RC (Release Candidate) di Internet Explorer 9 scaricabile gratuitamente da questa pagina http://windows.microsoft.com/it-IT/internet-explorer/downloads/ie-9/worldwide-languages.

Se avete installato precedentemente la versione Beta non c’è bisogno di disinstallarla, il setup provvederà automaticamente ad aggiornarla.

Una volta termina l’installazione e riavviato il PC la versione RC sarà pronta all’uso. I dettagli della nuova versione sono:

image

Devo dire che la velocità del motore Javascript è stata ulteriormente migliorata rispetto alla versione Beta e ora nel test SunSpider riesce ad ottenere risultati migliori di Chrome.

Sotto un contronto tra Chrome (From) e Internet Explorer 9 RC (To)

image

Il test Acid 3 invece si ferma sempre a 95/100:

image

Per un approfondimento potete consultare l’articolo Acting on Feedback: IE9 Release Candidate Available for Download (http://blogs.msdn.com/b/ie/archive/2011/02/10/acting-on-feedback-ie9-release-candidate-available-for-download.aspx) nel blog ufficiale di Internet Explorer.

Acrobat Reader X e Protected Mode

L’ultima versione di Acrobat Reader X (10.0.0) introduce diverse novità, tra cui la Modalità protetta che consente di aprire i file PDF in una istanza “sandbox” isolata dall’applicazione stessa, proteggendo così il computer e i dati dal codice dannoso che potrebbe essere contenuto in un file PDF. Questa modalità è attiva di default.

Quando si tenta di aprire un file da una condivisione di rete però si ottiene questo errore:

image

mentre non c’è nessun problema ad apri i file locali.

Per eliminare l’errore e aprire tranquillamente i file bisogna disabilitare la Modalità protetta tramite il menù Modifica –> Preferenze –> Generali –> e togliere la spunta sull’opzione Attiva modalità protetta all’avvio.

Se invece siamo in un Dominio Active Directory possiamo sfruttare uno script di logon per disabilitare la modalità protetta automaticamente su tutti i client, basta usare il comando reg per modificare il valore della chiave di registro bProtectedMode.

Il comando da inserire è:

reg add "HKCU\Software\Adobe\Acrobat Reader\10.0\Privileged" /v bProtectedMode /t REG_DWORD /d 0 /f