Microsoft 2.0…

Vi segnalo questo interessante post di Igor Damiani:

Facciamo il punto della situazione:

  • Il mio codice .NET gira su Windows e potrà girare sotto Linux e Mac OS (grazie al fatto che Microsoft sta facendo il porting del .NET Framework nelle altre piattaforme)
  • Chi sviluppa codice per iOS o Android potrà ricompilare le proprie applicazioni per farle girare sotto Windows 10 (esempio: Objective-C)
  • Windows 10 può girare su ogni tipo di hardware: pc desktop, notebook, ultrabook, smartphone, tablet, XBOX, Surface, HoloLens, device IoT
  • Le nuove Windows Universal App potranno girare su tutti i device Windows 10, senza alcun bisogno di ricompilare. Lo stesso binario nativamente gira ovunque.
  • Potrò interagire con Windows 10 con tastiera, mouse, touch, voce, penna
  • Ci sono nuove API per accedere a contatti, chiamate, appuntamenti, mail, SMS e dati utente
  • Visual Studio è l’IDE per eccellenza, sempre di più: posso scrivere codice desktop, web, cloud; posso compilare codice sorgente per iOS/Android verso il mondo Windows; posso debuggare da remoto su device Windows 10, di ogni tipo, XBOX compresa
  • Nei giorni scorsi Microsoft ha rilasciato Visual Studio 2015 Release Candidate (maggiori info qui)
  • Tanto tanto Azure; il cloud praticamente ci circonda
  • Microsoft ha rilasciato Visual Studio Code, ovvero un Visual Studio ridotto per Mac (supporta una vagonata incredibile di linguaggi, e supporta debugging ed Intellisense)
  • Cortana è un’assistente vocale, ma è molto di più; è sempre più intelligente e con Windows 10 sarà sempre più utile per portare a compimento operazioni “mixate” (comincio chiedendo qualcosa a Cortana con la voce, poi digito con la tastiera, poi ritorno alla voce, etc.)
  • Unity comincia il supporto a Microsoft HoloLens
  • Continuum, ovvero: il tuo smartphone Windows 10 diventa un PC Windows 10. Se collego una tastiera ed un mouse Bluetooth ad uno smartphone Windows 10, esso diventa a tutti gli effetti un PC Windows 10. Per far questo, c’è solo bisogno di avere Windows 10 sul telefono, senza bisogno di alcun hardware nuovo (su quest’ultimo punto si discute ancora, è un po’ controverso)
  • Lo store Windows 10 potrà accogliere non solo le nuove Universal App, ma anche le tradizionali applicazioni Windows desktop, le applicazioni Win32 & WPF, ed anche quelle per Android/iOS (ovviamente ricompilate per il mondo Windows). Conterrà anche musica & video.
  • Gli applicativi Office già oggi esistono sotto Windows, Android ed iOS
  • Voglio provare ed avere Microsoft HoloLens prima di morire. E’ un computer olografico. Non posso cercare di spiegarvi di cosa si tratta in forma scritta: guardate un po’ di video su YouTube su questo argomento
  • Microsoft Edge è il nuovo browser di casa Microsoft
  • Windows 10 supporta l’autenticazione biometrica (basta password, ma riconoscimento facciale, scansione della retina o delle impronte digitali). Tutto questo cade sotto il nome di Microsoft Hello.
  • Per il primo anno Windows 10 sarà un upgrade gratuito per chi arriva da Windows 7, Windows 8 e Windows 8.1
  • Microsoft è sempre più vicina al mondo Arduino, ormai vanno a braccetto (mondo dei maker e IoT)
  • Project Centennial: distribuzione di applicazioni Windows oltre il classico msi o l’installer ClickOnce. Interessato
  • “Microsoft research group is the biggest in the technology industry” (cit.)
  • “Wherever your code was born, you can bring it to Windows” (cit.)
  • Mi è stato fatto giustamente notare che Microsoft ha reintrodotto il menù Start, anche se chiaramente si tratta di un’evoluzione rispetto a quello di Windows 7: è molto più modern, contiene le tradizionali applicazioni desktop e le Universall app, può girare in full-screen per adeguare l’interfaccia ai tablet, e molto altro ancora

Ci sono stati così tanti cambiamenti nelle ultime 48 ore che mi gira la testa ancora adesso. Tanta, tanta carne al fuoco. Ma tanta davvero.

Non mi interessa il successo commerciale di tutto questo. Già le volte precedenti gli utenti Windows si sono dimostrati refrattari al cambiamento. Non mi interessa davvero. Sono un tecnico, e mi interessano solo le cose tecniche. Microsoft ha davvero imboccato una strada meravigliosa. Quando sento dire da qualcuno “Microsoft ha copiato questo o quello” ormai sorrido. Ha innovato più Microsoft negli ultimi anni che tutte le altre aziende ICT mondiali messe assieme. Ripeto: non mi interessa minimamente il successo commerciale di tutto questo. Mi interessano principalmente due cose: quanto viene stimolata la parte nerd di me con tutte queste innovazioni, e quanto andranno ad influenzare le mie competenze ed il mio lavoro nei prossimi anni.

Ci sarà da divertirsi.

L’articolo originale è disponibile qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *